LOADING...

Approfondimenti

Saetta

GRANO ANTICO SARAGOLLA

Molini di Voghera ha presentato alla fiera TUTTOFOOD  di Milano la nuova Farina di Grano Antico Saragolla. Una farina ricavata da un cereale antico, non molto famoso e coltivato da pochi in Italia. Chi lo conosce si rende subito conto della sua somiglianza con un’altra farina, di moda sulle nostre tavole, derivata anch’essa dalla macinazione del grano Khorasan.

ORIGINI BALCANICHE

Il Khorasan è infatti una varietà di grano molto specifica. Ha un alto contenuto proteico, è ricca di selenio, magnesio e zinco e ha un glutine molto destrutturato e quindi più digeribile. Un grano antico, coltivato per secoli in Anatolia, Egitto e in Mesopotamia. 

Il Grano Saragolla (Triticum tu rgidum sp. durum) è una varietà di Khorasan, introdotta in Italia Centrale dalle popolazioni balcaniche di origine medio-orientale nel 400 d.C.. Il termine Saragolla sembra derivare dal bulgaro antico, e il nome significa chicco giallo.

Popolare per molti secoli, la coltivazione del Grano Saragolla diminuisce a partire dal XVIII secolo, con l’importazione di grani duri da Nord Africa e medio Oriente, e il fenomeno dell’ibridazione delle spighe, messo in atto all’inizio del XX secolo, accentua la sua emarginazione. Oggi il Grano Saragolla sopravvive solo in alcune ree dell’Abruzzo, del Sannio e della Lucania. 

UN GRANO DURO E RESISTENTE

Il Grano Saragolla è un grano a ciclo precoce, duro e ambrato e presenta un futo piuttosto alto. Ha la cariosside nuda e più lunga di qualunque altro frumento, la sua farina è di colore giallo intenso. Resistente ai parassiti, si presta molto bene alla coltivazione biologica.

PERCHè FA BENE

Il Grano Saragolla è nutriente, salutare e altamente digeribile. è particolarmente apprezzato dagli intolleranti ai prodotti del grano comune e per la sua ridotta quantità di glutine e possiede un alto contenuto di selenio e beta carotene, eccellenti antiossidanti.

L’Università di Firenze insieme all’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Careggi ha rilevato che consumare prodotti a base di Khorasan riduce i fattori di rischio cardiovascolare, e risulta meno dannoso per l’apparato intestinale. Motivi in più per mettere sulla vostra tavola il Saragolla: una scelta sana, gustosa e a chilometro zero. 

Scopri le caratteristiche della Farina di Grano Antico Saragolla dei Molini di Voghera.

Data:
01 luglio, 2017

A cura di:
Molini

Torna a News